COOKIES POLICY DI UNITIPERLASALUTE.

QUESTO BLOG UTILIZZA COOKIES ,ANCHE DI TERZE PARTI.SCORRENDO QUESTA PAGINA ,CLICCANDO SU UN LINK O PROSEGUENDO LA NAVIGAZIONE IN ALTRA MANIERA ,ACCONSENTI ALL'USO DEI COOKIES.SE VUOI SAPERNE DI PIU' O NEGARE IL CONSENSO A TUTTI O AD ALCUNI COOKIES LEGGI LA "COOKIES POLICY DI UNITIPERLASALUTE".

10 ottobre 2018

Sostenibilità Ambientale e Salute:convegno a Roma 19 e il 20 Ottobre

Tratto da ISDE

Sostenibilità Ambientale e Salute. Ordine dei Medici di Roma e ISDE organizzano una due giorni a Roma su ambiente e salute


Si terrà a Roma, il 19 e il 20 Ottobre pv, un convegno organizzato dall’ Ordine dei Medici di Roma e dall’ Associazione Medici per l’Ambiente su Ambiente e Salute.
I determinanti di salute e segnatamente il binomio ambiente-salute sono, infatti, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di Medicina; i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta non vengono dotati, nonostante le ormai evidenti correlazioni tra alcuni stati patologici e la contaminazione ambientale, di conoscenze, competenze e abilità, atte all’ individuazione clinica precoce e alla prevenzione delle patologie collegate all’ambiente insalubre e agli altri determinanti di salute correlati all’ambiente.
Pochi medici indagano sulla salubrità dell’ambiente domestico, dei locali scolastici, dei luoghi di lavoro e di quelli in cui si trascorre il tempo libero, per completare un’esauriente anamnesi.
Non c’è ancora la consapevolezza, in una larga parte della classe medica, dell’influenza negativa che la contaminazione ambientale può avere sulla salute umana a partire dal periodo del pre-concepimento e lungo tutta l’età dello sviluppo e nell’età adulta.

Il medico del territorio ha un doppio ruolo di tipo scientifico-clinico e di advocacy che sono strettamente legati l’uno all’altro. Nel suo ruolo clinico scientifico deve sospettare, riconoscere e individuare precocemente manifestazioni cliniche correlate all’ambiente insalubre e formarsi continuamente per mantenere elevato il suo livello professionale; dall’altro lato deve informare, educare pazienti e famiglie, essere un esempio di comportamento, ricercare, raccogliere dati e segnalare eventi critici, deve essere protagonista e promotore di iniziative di informazione/formazione per la popolazione (incontri, pubblicazioni, interventi sui media), mantenendo un rapporto costante con le Istituzioni e con le associazioni del territorio a difesa dell’ambiente.


Il convegno, quindi, sarà l’occasione per focalizzarsi su tutto ciò che riguarda le correlazioni tra ambiente e salute umana nell’ottica di contribuire alla costituzione di una Rete di Medici Sentinella per l’ Ambiente che, dopo aver acquisito alcuni fondamenti teorici e alcuni strumenti pratici, si occupino di mediare i conflitti ambiente-salute correlati divenendo il punto di raccordo tra la popolazione e le Istituzioni e di identificare e segnalare alle Autorità Locali eventuali criticità ambientali che possano rappresentare un rischio per la salute dei cittadini.
Di seguito il programma del Convegno:

Nessun commento: